Let´s Meet and Work together

15 nov 2019 - 15 nov 2019

L'IMPIANTO COCLEARE: NOVITA IN TEMA DI INDICAZIONE E VALUTAZIONE DELL'OUTCOME

Responsabile Scientifico: Pasquale Marsella (realizzato con il supporto non condizionante di CRS Amplifon)


EDUCATIONAL GRANT

 
In occasione del congresso, alcune Aziende biomedicali hanno messo a disposizione di Meet and Work srl un certo numero di Educational Grant conformi al Codice Etico MedTech Europe ed Assobiomedica a cui tali Aziende aderiscono (http://svc.assobiomedica.it/Home/CodiceEtico).
Meet and Work srl, operando in qualità di Provider ECM e di HCO (HealthCare Organization) dell’evento, ha quindi facoltà di selezionare, tra gli Operatori Sanitari che ne facciano richiesta, quanti potranno beneficiare di tali Educational Grant in quanto rispondono ai requisiti richiesti.
 

 

 

Presentazione del Corso

L’impianto cocleare rappresenta oggi il “gold standard” del trattamento della sordità neurosensoriale severa-profonda, sia nel bambino che in età adulta. Stimolando le fibre del nervo cocleare, esso consente nella maggior parte dei casi un completo ripristino della soglia uditiva.

Negli ultimi anni sono emerse novità riguardanti l’ indicazione all’impianto cocleare, che sempre di più si estendono oltre la classica sordità bilaterale severo-profonda, a condizioni cliniche “speciali” per le quali non esistono ancora linee guida definite, quali la sordità monolaterale o bilaterale asimmetrica, la neuropatia uditiva e i quadri caratterizzati da malformazioni dell’orecchio interno. Allo stesso tempo, è sempre più forte l’esigenza, peraltro strettamente legata all’emergere di queste nuove indicazioni, di valutare gli outcome funzionali dell’impianto cocleare in modo più consono alle aspettative e alle richieste dei pazienti o dei loro genitori. A tale proposito, è ormai assodato che tale valutazione non possa fermarsi agli aspetti relativi all’”impairment”, vale a dire al mero ripristino di una soglia uditiva accettabile, ma debba piuttosto essere orientata a verificare i benefici dell’impianto sulla “disabilità” e sull’”handicap” del paziente. Infatti l’obiettivo che oggi ci si prefigge quando si propone un impianto cocleare ad un bambino affetto da sordità è la possibilità per il piccolo paziente di sviluppare normali abilità comunicative verbali e di seguire un percorso scolastico standard, così da garantirgli per il futuro eguali opportunità di inserimento nella vita sociale rispetto ad un coetaneo normoudente. Allo stesso modo gli adulti cui viene proposto un impianto cocleare coltivano ormai aspettative che vanno ben oltre la prospettiva di “tornare a sentire”, ma che si rivolgono piuttosto alla possibilità di ascoltare senza fatica, essere di nuovo in grado di utilizzare il telefono e di tornare ad apprezzare la musica.

È chiaro quindi come le metodiche utilizzate nella valutazione degli outcome funzionali debbano necessariamente adeguarsi a tali aspettative, sempre più realistiche, del paziente e/o dei suoi genitori. È fondamentale quindi, nella valutazione del paziente impiantato, affiancare ai test audiologici tradizionali, tipicamente adatti alla misura dell’impairment, nuovi strumenti che permettano di comprenderne il grado di disabilità ed handicap.

Alla luce di queste considerazioni, il corso si propone i seguenti obiettivi formativi:

1.         Fornire al partecipante un aggiornamento sulle nuove (e talora controverse) indicazioni all’impianto cocleare

2.         Offrire al partecipante una panoramica sulle metodiche di valutazione dell’outcome del paziente impiantato che permettano di misurare aspetti relativi a disabilità ed handicap

login
+39 049 8601818

WebSite work in progress - Last update 26 november 2014